Città metropolitana.
Il centrosinistra si muove
Un articolo di Lucia Castellano sul passaggio dalla Provincia alla Città Metropolitana
Pubblicato: 04/07/2014 20:37:00

MILANO - La Provincia di Milano non esiste più. La sera del 24 giugno la coalizione di centro sinistra si è riunita in assemblea, con gli amministratori e i politici del territorio che costruiranno insieme la Città Metropolitana. I sindaci che si sono succeduti, per cinque minuti, sul palco, avevano una “parola chiave” per ciascuno su cui costruire la propria visione metropolitana: libertà, semplicità, opportunità, democrazia, incisività, sicurezze, servizi, territorio.
Hanno saputo delineare uno scenario sicuramente affascinante. Gli interventi dei segretari di PD, Sel, Rifondazione Comunista e Movimento Milano Civica hanno poi rafforzato la visione e impostato la linea politica. Sarà un grande lavoro di coalizione. Milano farà la sua parte, senza “egocentrismi né milanocentrismi”. L’ha promesso Giuliano Pisapia nel suo intervento, molto concreto, in cui ha sottolineato la difficoltà dell’operazione e gli ostacoli dovuti, soprattutto, alla carenza di risorse. Senza mai perdere il sogno, però.
C’eravamo tutti, ognuno con la propria identità politica, che diventa valore aggiunto per il centrosinistra.
Cerco di esaminare, in sintesi, il passaggio dalla Provincia alla Città Metropolitana. “La nuova istituzione che nasce pone le basi nei Comuni che la costruiranno. Il suo governo è affidato alle stesse mani di chi governa i singoli territori” si legge nella relazione dell’ANCI. Credo sia questo il punto da cui partire: a differenza della Provincia, la Città Metropolitana nasce dalla capacità degli amministratori locali di saper andare oltre il proprio campanile e di realizzare funzioni e servizi di area vasta, riconducibili a interessi e bisogni di territori omogenei. Si crea così un interlocutore istituzionale nuovo, un nuovo motore di sviluppo economico del Paese, con una notevole tensione extra nazionale: il futuro dell’Europa dipende dal futuro delle nostre città. È ben evidente, tanto per fare un esempio, che la programmazione comunitaria 2014/20 sarà modulata in relazione alle esigenze delle grandi aree urbane del Paese.
Il percorso che la legge Del Rio ci impone è serrato: entro il 30 settembre andrà eletto il Consiglio Metropolitano, formato da 24 consiglieri/sindaci dei 134 Comuni che compongono la (ex) Provincia. Il Consiglio redige lo Statuto, strumento essenziale per gettare le reali fondamenta della Città Metropolitana, che verrà approvato entro il 31/12/14. Il primo gennaio 2015, finalmente, la Città Metropolitana subentrerà alla Provincia in tutte le funzioni.
È chiaro che un’operazione di ricostruzione del territorio metropolitano, operata dal basso, con le forze amministrative presenti, non possa prescindere da una potente conoscenza del territorio e da un’altrettanto solida capacità di ridisegnarlo per aree omogenee. Il decentramento di Milano, il superamento delle attuali Zone, la scomposizione della città in segmenti storici e identitari omogenei, riconducibili a uno o più elementi d’interesse precede dunque, obbligatoriamente, la costruzione della CM. I temi da affrontare sono, successivamente (in chiave metropolitana e non più comunale) quelli che tutti conosciamo: trasporti e mobilità, urbanistica e territorio, ambiente, sviluppo economico e servizi alla persona, per essere sintetici.
Se tutto questo è vero, l’operazione che ci accingiamo a mettere in campo è una gigantesca rivoluzione istituzionale, corale. O si vince tutti o si perde tutti. Primo requisito per vincere è la coesione tra i nuovi consiglieri metropolitani, chiamati al primo, grande passo: la redazione dello Statuto. Il fatto che il centrosinistra presenti un’unica lista unitaria di coalizione (allargata al movimento civico) è un ottimo segnale in questa direzione. Ma non basta. Occorre che i protagonisti, gli eletti, siano scelti per le loro competenze di amministratori e per il tempo che riusciranno a dedicare a questa fondamentale fase, che richiederà il massimo impegno (a questo proposito: sindaci o consiglieri? Riflettiamoci.). Inoltre, se la rivoluzione istituzionale è nelle mani degli amministratori locali, occorre che siano loro a scegliersi i rappresentanti, ma davvero. Senza la mano occulta della spartizione partitica, ma con l’attenzione a che il consiglio metropolitano sia davvero espressione dei territori. Dei quattro punti cardinali della Provincia di Milano, per intenderci, rappresentati in modo proporzionale. Dalle premesse che abbiamo gettato il 24 giugno tutto fa sperare che stavolta sia davvero nuova politica.
Per concludere: squadra coesa e fatica istituzionale nel declinare, in modo nuovo, i compiti che abbiamo elencato. L’assemblea del 24 giugno è servita a riconoscerci in un’unica squadra e a stringerci intorno al nostro Sindaco Metropolitano. Non può esistere crescita senza il comunicarsi fiducioso, senza conoscersi profondamente, diceva Danilo Dolci. Questa comunicazione del sogno, questa conoscenza reciproca il 24 l’abbiamo sentita. Ci vuole ben altro, adesso. Bisogna, prima di tutto, perché la CM non diventi la mera sommatoria di 134 comuni, creare un ottimo statuto. Inoltre, bisogna creare, adesso, un rapporto con la Regione Lombardia che favorisca il processo e delinei le funzioni attribuite alla CM e il loro finanziamento.
Cominciare con piccoli passi, individuando le priorità e realizzandole, una per una: trasporti, servizi, anagrafe metropolitana, tanto per fare degli esempi. Con questi passaggi favoriremo la nascita dell’identità metropolitana dei cittadini del nostro territorio, processo lento ma essenziale per migliorare la qualità della vita in un’area così vasta e così significativa. Ci vorrà tempo, lavoro infaticabile, pazienza e soprattutto coesione. Mi ripeto: vinciamo o perdiamo tutti insieme.

di Lucia Castellano

Fonte: arcipelago milano
Ebook_antonucci
Comunicati stampa
25/03/2015 23:31 - LAVORO AGILE. UNA GIORNATA SPECIALE IN 300 UFFICI DA MILANO A CATANIA
25/03/2015 23:30 - SALUTE. FARMACIE COMUNALI APERTE PER ESAMI GRATUITI AI MILANESI
25/03/2015 23:30 - AMBIENTE. IL COMUNE ADERISCE ALL’INIZIATIVA “EARTH HOUR”
23/03/2015 21:30 - CONSIGLIO COMUNALE. DIMEZZATO IL NUMERO DELLE BENEMERENZE CIVICHE
23/03/2015 21:29 - MILANO. PISAPIA: "GRAZIE A CHI MI HA ESPRESSO STIMA E APPREZZAMENTO"
Mostra tutti i comunicati
I nostri link
Tag cloud
Cerca negli articoli
Mailing list
Rss
Movimento Milano Civica
questo sito è stato realizzato con il CMS Journalist | About | Contact