Scoprire Milano
A passeggio nel Monumentale guidati dalle parole del poeta
Piero Colaprico ci racconta una giornata speciale al cimitero, leggendo
Pubblicato: 02/06/2014 16:32:00

MILANO -  Chi seguendo alcune guide (tra le quali il cronista), chi in gruppo sparso, chi per proprio conto. Sta accadendo lo stesso a Londra, a Parigi, a New York, a Pechino, a grandi capitali: al bisogno delle persone che le abitano di riscoprire le radici comuni, o quello che i romani (antichi) chiamavano genius loci, lo spirito del posto, rispondono le amministrazioni, i privati, le associazioni, suggerendo una strada, un titolo, un museo. Il cronista, recentemente, ha visto con stupore centinaia di persone accalcarsi e non riuscire a entrare agli spettacoli teatrali che le compagnie diciamo minori tenevano alla Fabbrica del Vapore. Più quell’immensa distesa post-industriale che è il Carroponte a Sesto San Govanni, dove si mangia a cielo aperto, si sente musica spesso gratis e la periferia splende di luce propria. Solo vent’anni fa, non era così. Milano stava di più «al chiuso», in tutti i sensi.
Oggi, nonostante i precari, le crisi, le povertà vecchie e nuove, a Milano è tornata la voglia di respirare. E di ascoltare altri «respiri », anche quelli dei cari defunti eccellenti del Monumentale. Lo chiamano «Museo a cielo aperto», ci sono persino i camion elettrici del 1930, non inquinanti, neri, per portare i morti. E tra i giovani della scuola Paolo Grassi, tra chi legge Spoon River e chi parla di design, medicina, poesia, con il vicesindaco De Cesaris che parla di «Donne e politica», è arrivato anche il cronista: con una borsa di libri. Meglio non usare le proprie parole quando quelle dei morti bastano e avanzano. E poi l’idea era di documentare un cambiamento: è qui a Milano che la letteratura dell’Accademia, dei professori, è stata affiancata e sostituita dal linguaggio meno polveroso dei giornalisti-scrittori. Quindi, come resuscitare i giornalistiscrittori in modo sorprendente? Il cronista si è sgolato nell’umidità diaccia del piano terra del Famedio per leggere, davanti alle lapidi, alcune pagine di Giuseppe Rovani. Ai più è sconosciuto, ma raccontava come a Milano, nel 1820, a Porta Romana ci fosse una «movida» straordinaria, grazie a una slitta, che permetteva a ragazzi e ragazze di stringersi nel gioco. Poi al gruppo è stata letta «Notizia», poesia di Giovanni Raboni, che sta nella stessa parete di Renato Simoni, autore di commedie che diventò critico teatrale, e che per tutta la vita amò una donna, moglie di un amico, senza passare dal lei al tu (figuriamoci il resto). E poi, salendo di un piano, pagine di Dino Buzzati, anche per capire che cosa è un «attacco » di pezzo giornalistico. Di Indro Montanelli, per riscoprire l’onestà di dire come la si pensa senza stravolgere la realtà delle cose. E, alla fine di tutto, Giorgio Bocca, mentre racconta la spesa da un salumiere e mentre corre nella notte per un’alluvione. Ma come sottotraccia per tutti noi che eravamo là, in mezzo ai morti, sentendoci molto più vivi, un concetto che si può esprimere rubando a Bocca poche frasi: «Sentivo come vibrare sotto i piedi un ronzio da centrale elettrica, sentivo nell’aria, nei volti, nei gesti una carica irresistibile. Milano non mi piaceva, ma mi trascinava, mi possedeva, mi faceva suo con l’incalzare della vita, dichiarato, scoperto, non dissimulato come a Torino». E a volte, questo ronzio, questo vento che pulisce l’aria, riesce ancora a farsi strada dentro di noi, a farci dire: «Provaci, ce la puoi fare».

di Piero Colaprico 

La "riscoperta" del Monumentale si deve all'associazione "AMICI DEL MONUMENTALE", fortemente voluta da Carla De Bernardi e Lalla Romano presidente e vice-presidente, che si prefigge di diffondere, promuovere, sostenere e sviluppare la conoscenza storico-artistica culturale del Cimitero Monumentale di Milano.

Fonte: repubblica milano
Ebook_antonucci
Comunicati stampa
25/03/2015 23:31 - LAVORO AGILE. UNA GIORNATA SPECIALE IN 300 UFFICI DA MILANO A CATANIA
25/03/2015 23:30 - SALUTE. FARMACIE COMUNALI APERTE PER ESAMI GRATUITI AI MILANESI
25/03/2015 23:30 - AMBIENTE. IL COMUNE ADERISCE ALL’INIZIATIVA “EARTH HOUR”
23/03/2015 21:30 - CONSIGLIO COMUNALE. DIMEZZATO IL NUMERO DELLE BENEMERENZE CIVICHE
23/03/2015 21:29 - MILANO. PISAPIA: "GRAZIE A CHI MI HA ESPRESSO STIMA E APPREZZAMENTO"
Mostra tutti i comunicati
I nostri link
Tag cloud
Cerca negli articoli
Mailing list
Rss
Movimento Milano Civica
questo sito è stato realizzato con il CMS Journalist | About | Contact