Patto per l'Expo
Fondi e legge speciale: Bersani firma il patto Expo con Ambrosoli e Pisapia
Il segretario Pd: "Da premier aiuterò Milano"
Pubblicato: 02/02/2013 11:20:00

MILANO - È un patto per Expo, quello che hanno idealmente siglato. Un patto «sociale, politico e istituzionale con un forte segnale di discontinuità rispetto al passato», lo ha definito Giuliano Pisapia. Tutti insieme per assicurare un «impegno comune » per il 2015: il sindacocommissario, il candidato alla presidenza della Regione Umberto Ambrosoli e il candidato premier Pier Luigi Bersani. Tutti insieme ad assicurare che, se la foto scattata ieri dopo il voto si trasformerà in quella della vittoria, l’Esposizione rappresenterà davvero l’occasione per creare «lavoro e sviluppo» e per contribuire a uscire dalla crisi.
Una svolta necessaria. Basata su quattro proposte del sindacocommissario straordinario, diventate altrettante promesse del segretario del Pd: «Se toccherà a me, le cose chieste dal sindaco Pisapia mi impegno a farle. Dobbiamo portare a casa il risultato», ha scandito il leader democratico. Dall’eterna richiesta di una deroga al patto di stabilità che possa alleggerire il peso degli investimenti degli enti locali, alla possibilità per il commissario di (ri)avere in mano i poteri cancellati con i grandi eventi per accelerare i cantieri; da un sottosegretario dedicato all’Expo a una “Legge speciale” sull’esempio di quello che fu fatto per le Olimpiadi di Torino del 2006; fino a una «grande campagna di promozione » in Italia e all’estero.
Per il centrosinistra è tutto in quella foto di gruppo, il rilancio di Expo. «Noi tre andiamo d’accordo », ha sorriso Bersani evocando i continui litigi in casa centrodestra. «Tremonti non ci ha mai creduto, la Moratti e Formigoni litigavano e Expo è arrivata vicina a un rischio estremo. Se il percorso è ripreso è grazie alla nuova giunta », ha detto il segretario del Pd. Adesso, però, — è il messaggio — bisogna superare gli ostacoli che ancora rimangono sul cammino. E serve una «coalizione forte e coesa» a tutti i livelli: dal Pirellone a Palazzo Chigi. «Da parte del governo Berlusconi e, purtroppo, anche del governo Monti — ha attaccato Pisapia — non c’è stato nessun atto concreto per superare le difficoltà». Il riferimento è soprattutto a quella deroga ai rigidi vincoli del patto «promessa a parole» ma mai diventata realtà. Ma anche a una mancanza di collegamento tra Milano e Roma che solo un sottosegretario creato all’interno della presidenza del Consiglio (un ruolo che sembrerebbe destinato all’attuale direttore generale Davide Corritore) potrebbe garantire. Punti su cui Bersani si dice d’accordo: «Expo è un grande fatto italiano el’Italia ha un bisogno disperato di trovare leve credibili per andare avanti, per ridare fiducia e lavoro ». Anche Ambrosoli ha assicurato «una nuova responsabilità e impegno» dopo «i passi falsi del duo Moratti-Formigoni e di un governo nazionale che non ha saputo cogliere l’opportunità». Aggiungendo tre idee: «recuperare il ruolo dei Comuni», fare «massa critica con le altre regioni», portare a termine le infrastrutturegià in cantiere. Dagli avversari non sono mancati i contrattacchi. L’ex ministro del Tesoro Tremonti ha rivendicato: «L’Expo è stato approvato, organizzato e finanziato con il governo Berlusconi ». Formigoni instilla veleno: «Pisapia ha mai detto a Bersani di essersi dimesso da commissario straordinario per paura delle proprie responsabilità?».

di Alessia Gallioni



 

Fonte: la Repubblica Milano
Ebook_antonucci
Comunicati stampa
25/03/2015 23:31 - LAVORO AGILE. UNA GIORNATA SPECIALE IN 300 UFFICI DA MILANO A CATANIA
25/03/2015 23:30 - SALUTE. FARMACIE COMUNALI APERTE PER ESAMI GRATUITI AI MILANESI
25/03/2015 23:30 - AMBIENTE. IL COMUNE ADERISCE ALL’INIZIATIVA “EARTH HOUR”
23/03/2015 21:30 - CONSIGLIO COMUNALE. DIMEZZATO IL NUMERO DELLE BENEMERENZE CIVICHE
23/03/2015 21:29 - MILANO. PISAPIA: "GRAZIE A CHI MI HA ESPRESSO STIMA E APPREZZAMENTO"
Mostra tutti i comunicati
I nostri link
Tag cloud
Cerca negli articoli
Mailing list
Rss
Movimento Milano Civica
questo sito è stato realizzato con il CMS Journalist | About | Contact