Welfare per gli over75
Rete di diecimila badanti “garantite”: il Comune lancia un nuovo servizio
Bando per individuare chi le recluterà e formerà
Pubblicato: 02/02/2013 11:17:00


MILANO - Badanti scelte, preparate, in regola con tutte le leggi. E con l’amministrazione a fare da garante nell’incrocio tra domanda di assistenza e offerta di lavoro. Il Comune potenzia il servizio di collaboratrici domestiche: è con un bando, aperto fino a fine mese, che Palazzo Marino cercherà un gestore, una cooperativa, un’agenzia che recluti le domestiche (anche uomini, se ci fossero), le formi e le metta in rete per migliorare il servizio incittà. Una rete di assistenza, cioè, in cui la famiglia che cerca un aiuto abbia la garanzia del Comune sull’affidabilità dell’aiuto offerto. Un modo anche di tentare di abbattere la quota non solo di contratti in nero, ma anche quelli in grigio, nei quali magari un tot di ore sono regolarizzate ma non quelle extra, eventuali.
Si stima che oggi siano 32mila le badanti presenti a Milano. Di queste, solo quattromila sono iscritte all’albo comunale, quasi tutte straniere, appena un centinaio italiane: nominativi che vengono forniti allo sportello di largo Treves a chi ne fa richiesta, dove in pratica oggi domanda e offerta si incrociano. Numeri bassi, rispetto alla potenzialità del servizio. L’obiettivo dellanuova operazione, che si vuole far partire entro l’estate, è di creare una rete tra almeno 10mila badanti milanesi entro un anno di nuova attività.
Il bando prevede di affidare un appalto di 600mila euro — stanziati ieri dalla giunta — per tre anni a una società o un ente che faccia da gestore sociale: chi vincerà dovrà trovare le domestiche, darle quella formazione obbligatoria per affrontare varie situazioni socio- sanitarie oggi affidata alla facoltà della singola domestica (dai 500 ai 2mila euro per avere una sorta di patentino) e certificare le loro capacità. Poi, metterle in regola e presentarle al pubblico attraverso il nuovo servizio che avrà anche un portale internet. Tutto sotto la supervisione di Palazzo Marino, sponsor morale e partner istituzionale per raggiungere i 32mila over 75 che in città non ricevono alcun tipo di assistenza. La convenienza per il cittadino è duplice: da un lato otterrà dall’amministrazione il nominativo di una collaboratrice domestica formata, fidata e in regola sotto tutti i profili e, dall’altro, anche meno costosa. Perché la badante diventa anche “sociale”: da condividere tra più anziani e dunque meno onerosa dei 1.400 euro al mese (stipendio per un aiuto fisso) se la richiesta della famiglia è solo di un’assistenza per qualche ora. Così la collaboratrice avrà un contratto e uno stipendio comunque full time. In più, l’intenzione dell’amministrazione è di attribuire un bonus alle badanti che si iscrivono a questo servizio entrando così nella rete comunale. Gli obiettivi del piano sono vari: «Aumentare il numero delle persone assistite a domicilio, garantire più attenzione ai bisogni e migliorare la qualità dell’assistenza anche con forme di condivisione », commenta l’assessore al Welfare, Pierfrancesco Majorino. Ma non è tutto. Nelle prossime settimane il Comune darà il via a un progetto di ospitalità da parte di anziani a studenti universitari. Per “Indovina chi ti porto a cena”, invece, l’iniziativa di arruolamento di volontari cuochi per una cena in compagnia di anziani soli a partire da marzo, le candidature (a info@cittadinifattivi. it) sono già 200.

di Ilaria Carra





Fonte: la Repubblica Milano
Ebook_antonucci
Comunicati stampa
25/03/2015 23:31 - LAVORO AGILE. UNA GIORNATA SPECIALE IN 300 UFFICI DA MILANO A CATANIA
25/03/2015 23:30 - SALUTE. FARMACIE COMUNALI APERTE PER ESAMI GRATUITI AI MILANESI
25/03/2015 23:30 - AMBIENTE. IL COMUNE ADERISCE ALL’INIZIATIVA “EARTH HOUR”
23/03/2015 21:30 - CONSIGLIO COMUNALE. DIMEZZATO IL NUMERO DELLE BENEMERENZE CIVICHE
23/03/2015 21:29 - MILANO. PISAPIA: "GRAZIE A CHI MI HA ESPRESSO STIMA E APPREZZAMENTO"
Mostra tutti i comunicati
I nostri link
Tag cloud
Cerca negli articoli
Mailing list
Rss
Movimento Milano Civica
questo sito è stato realizzato con il CMS Journalist | About | Contact