Lavori pubblici
Castellano: “Destineremo le risorse per riqualificare strade, piazze e verde pubblico”

Milano, 29 giugno 2012 – Il Comune di Milano incasserà 830 mila euro per oneri di concessione mai versati dalla Cooperativa ‘Vivere meglio nella nostra zona’ che, tra il 1995 e il 2002, ha realizzato tre parcheggi in via Rossetti, piazzale Giulio Cesare e piazzale Arduino.
I termini dell’accordo transattivo tra l’Amministrazione comunale e la Cooperativa sono stati approvati oggi dalla Giunta comunale.

“Stiamo lavorando – spiega l’assessore ai Lavori pubblici Lucia Castellano – per recuperare oneri e penali dovuti al Comune di Milano e mai versati da alcuni concessionari e cooperative. Un conto che complessivamente ammonta a oltre 5 milioni di euro e che riguarda 10 diversi parcheggi realizzati da anni. Grazie a questo accordo chiudiamo la partita con una delle cooperative che erano ancora in debito con il Comune, risolvendo al tempo stesso un contenzioso pendente in Tribunale”.

Il parcheggio di via Rossetti (370 posti) è stato collaudato nel 1995, quello di piazzale Giulio Cesare (506 posti) nel 1999 e quello in piazzale Arduino (319 posti) nel 2002. La Cooperativa ‘Vivere meglio nella nostra zona’, contestando la cifra complessivamente dovuta al Comune, aveva fatto ricorso prima al Tar e poi al Consiglio di Stato.

“Mi impegnerò affinché queste e tutte le altre risorse che recupereremo – aggiunge l’assessore Castellano – vengano destinate per riqualificare piazze, strade e verde pubblico. Un’opportunità preziosa, in un momento di carenza di risorse, che ci consentirà di intervenire in molte zone della città”. 

Lavori Pubblici
Castellano e Bisconti: “Dopo anni di attesa, consegnata alla Zona una nuova piazza riqualificata e attrezzata per sport e giochi. Oggi al via il bando per l’affidamento delle strutture”

Milano, 28 giugno 2012 – Apre oggi il parcheggio interrato di Fatebenesorelle/Moscova. L’assessore ai Lavori pubblici Lucia Castellano, insieme al Presidente del Consiglio di Zona 1 Fabio Arrigoni, ha tagliato il nastro e consegnato alla città, dopo 8 anni di lavori, 720 posti auto sotto terra. Oltre ad un’area superficiale completamente riqualificata con area gioco, verde, panchine, fontane e campi sportivi.

“L’inaugurazione di oggi – ha dichiarato l’assessore Castellano – è frutto di un lavoro intenso e collegiale tra i Lavori pubblici, lo Sport e il Consiglio di Zona 1. Non si trattava solo di aprire il parcheggio, dopo anni di attesa e di lavori, ma soprattutto di restituire al quartiere una nuova piazza, attrezzata e riqualificata, e impianti sportivi nuovi di zecca. Un risultato importante, un altro passo verso il riordino della complicata storia dei parcheggi a Milano. Nell’ultimo anno, infatti, sono già 3 le strutture inaugurate, dopo Avezzana e Correggio ovest, e 11 i progetti cancellati”.

Il parcheggio sotterraneo di via Fatebenesorelle è costituito da 4 piani interrati per 720 posti auto, di cui 630 per residenti e 90 di proprietà del Comune che saranno concessi tramite bando o convenzione. Assegnato nel 1997, l’autosilo è stato realizzato dalla Cooperativa Verde Moscova. I lavori hanno avuto inizio nel gennaio 2004 con gli scavi archeologici e la bonifica ambientale, che si sono protratti per un lungo periodo. Nell’ottobre 2007 hanno avuto inizio le opere per il parcheggio vero e proprio.
Nell’area sovrastante sono stati realizzati un’area gioco per bambini, una piazza pedonale arredata con fontane e alberature, 3 campi gioco (calcio, pallavolo e basket) recintati e dotati di servizi igienici, piste per atletica.

“Salutiamo con soddisfazione questo luogo – dichiara l’assessora allo Sport e Tempo libero Chiara Bisconti – che arricchisce di nuovi impianti sportivi una zona che ne ha molto bisogno. Un luogo utile per il quartiere, con il quale abbiamo condiviso il percorso e le finalità di destinazione d’uso. Stiamo risolvendo alcuni piccoli problemi tecnici ereditati dal vecchio progetto e metteremo presto a frutto spazi finora abbandonati. Siamo già in contatto, infatti, con diverse importanti aziende per una serie di eventi che potrebbero essere ospitati qui”.

Oggi verrà pubblicato il bando per l’assegnazione degli impianti. La concessione avrà una durata di 6 anni e consentirà alle scuole e al Consiglio di Zona di avvalersi dell’uso delle strutture, limitatamente ad orari che non recheranno disturbo alla quiete dei residenti.

L’assessore Castellano ha posato un ‘gomitolo’ lilla come simbolo di una matassa sbrogliata. A marzo è stata lanciata sul sito del Comune l’operazione trasparenza sui parcheggi: una mappa che spiega in tempo reale lo stato dei 240 parcheggi cittadini e assegna un colore ad ogni Zona della città. 

In esclusiva per MMC un articololo di Lucia Castellano, assessore ai Lavori Pubblici, Casa e Demanio

Il problema dei parcheggi è uno dei più complessi, annosi e difficili che la nostra Giunta si trovi ad affrontare. Non è possibile negare che la nostra città abbia bisogno di parcheggi: le macchine in doppia fila, l’assalto selvaggio ai posti liberi sono sotto gli occhi di tutti.

Circa un decennio fa, il sindaco Albertini, spaventato da questa emergenza, si è fatto nominare Commissario straordinario per affrontare, con poteri extra ordinem, il problema della sosta a Milano. L’idea era, in sostanza, quella di eliminare le cosiddette “ strisce blu”nel centro della città. In pratica, divieto d’ingresso alle auto in centro e predisposizione di un sistema di parcheggi “ a rotazione” in tutta la prima cerchia dei navigli. Inoltre, il progetto del commissario prevedeva la riduzione delle strisce gialle, con la costruzione di parcheggi per i residenti. Detto, fatto. O meglio, detto, aggiudicato. Il sindaco/commissario ha proceduto ad aggiudicare, nel giro di tre anni, 120 parcheggi interrati, di cui una quarantina in “ project financing” nel centro della città ( in quest’ultimo caso i progetti prevedevano la realizzazione, per ogni parcheggio, di posti auto a rotazione e altri da vendere ai privati).

Le aggiudicazioni sono state realizzate nei luoghi più disparati: piazza Zecca Vecchia, via Borgogna, piazza Edison, via Paleocapa, piazza Lanza, piazza Cavour, piazza Meda, piazza Sant’Ambrogio, piazza Sant’Agostino, Museo della Scienza, piazzetta Paolo Ferrari per citarne solo alcuni. Nella furia di aggiudicare il maggior numero possibile di cantieri, Albertini non verificò nemmeno lo stato del sottosuolo. Questa è la ragione delle clamorose interruzioni e dei ritardi di molti cantieri (piazza xxv Aprile, piazza Novelli) dovute alle sorprese che il sottosuolo riservava, in termini di reperti archeologici, falda acquifera e sottoimpianti. A ciò si aggiungano i cantieri per i parcheggi residenziali ( alcuni mai partiti, altri lasciati a metà) la cui pianificazione, e relativa aggiudicazione, risalgono addirittura al 1985 e al 1997. Di questi, una decina sono ancora totalmente inattuati (come per esempio Canaletto, Libia, Frapolli, Damiano Chiesa). Altri, sempre del 1985, hanno visto solo l’inizio dei lavori, con relativa occupazione della piazza (mi riferisco a largo Rio de Janeiro e piazza Bernini). 

Oggi l’Amministrazione si trova a:

  1.  decidere se mandare avanti o meno una serie di parcheggi pianificati in tempi estremamente risalenti, dovendo tenere conto del fatto che gli interessi dei cittadini all’acquisto dei box, dopo tanti anni e data l'attuale congiuntura, può essere totalmente cambiato. 
  2.  fare i conti con parcheggi pianificati al centro della città, in contrasto con la nuova politica della viabilità che scoraggia l’ingresso delle auto al centro, con i cantieri delle metropolitane, con l’EXPO incombente, per cui riempire la città di cantieri sarebbe, allo stato, una scelta complessa e pericolosa. 
  3.  dover ricucire, in tempi brevi, le “ ferite aperte” in mezzo alla città, ossia i cantieri che devastano molte piazze da molti anni (mi riferisco a piazza Novelli, piazza Sant’Ambrogio, piazza xxv Aprile, largo Gavirate, Bernini, Rio de Janeiro, Correggio Ovest).
  4.  dover affrontare l’annoso problema dell’aumento del prezzo finale dei box che i cittadini dovranno sostenere, a causa dei ritardi enormi, dovuti alla complessità del cantiere o all’inefficienza dei concessionari.

E’ bene che i cittadini sappiano che ogni retromarcia, anche rispetto alle aggiudicazioni del 1985, è costosa per l’Amministrazione Comunale. Questo non significa che non retrocediamo, ma che l’eredità che abbiamo ricevuto è totalmente passiva.

Questa, a grandi linee, è la diagnosi. Quanto alla terapia, le politiche di questa Giunta rispetto al problema sono le seguenti:

  1.  va rivisto il Piano Urbano della Mobilità e, a seguire, va reimpostato il Piano Urbano Parcheggi. Siano d’accordo con l’assessore Maran che ci lavoreremo fin dal mese di gennaio 2012, per portare in Consiglio le proposte in autunno. In tal modo, potremo programmare la costruzione di nuovi parcheggi e l’eliminazione di quelli pianificati e non più rispondenti al pubblico interesse.
  2.  nel frattempo, però, è necessario provvedere a ricucire le ferite aperte, nel più breve tempo possibile, per restituire alla città le sue piazze. In alcuni casi (Sant’Ambrogio, xxv Aprile) stiamo accelerando i lavori, poiché la retromarcia è impossibile.In altri, stiamo studiando le possibilità (e i costi) della retromarcia (è il caso dell’accordo stragiudiziale con cui abbiamo chiuso 4 cantieri, Lavater, Correggio Est, Correggio Ovest e Buonarroti).
  3.  mandare avanti i parcheggi residenziali aggiudicati in zone non problematiche per la viabilità. Si riconosce infatti l’estrema necessità di box auto e, nel primo semestre del 2012, gli uffici manderanno avanti almeno una decina di pratiche per l’autorizzazione a procedere.

Quanto al problema del prezzo dei box, per ogni cantiere gli uffici e i concessionari stanno valutando i costi, per far si che il prezzo medio finale non si discosti troppo da quello pattuito convenzionalmente.

Com’è evidente da questa, sia pur, sintetica descrizione, il problema parcheggi è un terreno scivoloso, sul quale nell’ultimo decennio l’Amministrazione ha perso molto in termini di credibilità. Occorre, dunque, affrontarlo con estrema chiarezza, facendo luce, senza esitazione, su tutti i punti da affrontare. In questo percorso sono molto aiutata dall’ascolto dei comitati dei cittadini e delle cooperative aggiudicatarie, oltre che dall’esame delle documentazioni. Ne viene fuori una vicenda in cui, purtroppo, gli interessi e i diritti dei cittadini sono stati spesso subordinati a quelli dei concessionari. Assicuro tutto l’impegno di questa Giunta nell’affrontare e risolvere seriamente il problema, sottolineando, doverosamente, al contempo, quanto sia difficile trovare le soluzioni.

Lucia Castellano
Assessore ai Lavori Pubblici, Casa e Demanio

Inizio
<< 10 precedenti
10 successivi >>
Ebook_antonucci
Comunicati stampa
25/03/2015 23:31 - LAVORO AGILE. UNA GIORNATA SPECIALE IN 300 UFFICI DA MILANO A CATANIA
25/03/2015 23:30 - SALUTE. FARMACIE COMUNALI APERTE PER ESAMI GRATUITI AI MILANESI
25/03/2015 23:30 - AMBIENTE. IL COMUNE ADERISCE ALL’INIZIATIVA “EARTH HOUR”
23/03/2015 21:30 - CONSIGLIO COMUNALE. DIMEZZATO IL NUMERO DELLE BENEMERENZE CIVICHE
23/03/2015 21:29 - MILANO. PISAPIA: "GRAZIE A CHI MI HA ESPRESSO STIMA E APPREZZAMENTO"
Mostra tutti i comunicati
I nostri link
Tag cloud
Cerca negli articoli
Mailing list
Rss
Movimento Milano Civica
questo sito è stato realizzato con il CMS Journalist | About | Contact