Un contributo di Paola Colombini
Questione femminile: una riflessione culturale
Pubblicato: 08/11/2015 14:59:00

MILANO - Sono fondamentali gli interventi giudiziari, il coinvolgimento mediatico e il finanziamento (sempre troppo poco: un dramma sacrificato sull’altare del contenimento della spesa e dell’inadeguata legislazione) della politica statale e locale sulla violenza verso le donne.
Le violenze fisiche sono oggi illuminate – per fortuna – dai fari dell’informazione che raccontano le tragedie delle donne che subiscono violenza.
«Secondo una ricerca del Dipartimento Pari Opportunità e dell'Istituto nazionale di Statistica, diramata il 5 giugno e relativa al quinquennio 2009/2014, il 31,5 per cento delle donne italiane fra i 16 e i 70 anni ha subìto violenza fisica o sessuale almeno una volta nel corso della vita. Si tratta di circa 6 milioni e 788mila persone, una donna su tre: un dato impressionante...» (la Repubblica).
Poi ci sono le donne discriminate familiarmente, socialmente, politicamente ed economicamente, e che non si possono difendere dagli abusi esercitati contro le loro capacità e competenze.
Infine c’è la pratica quotidiana della silenziazione, che dopo giorni o anni nei quali la donna è semplicemente annullata come un fantasma, ella accetta come qualcosa di ineluttabile l’essere messa da parte. Si china la testa, si tace, si fanno passi indietro. La tua parola vale poco, donna, e comunque meno della parola di un maschio.
Avete mai provato, care amiche, a essere le uniche interlocutrici in un gruppo di maschi? Per esempio in un gruppo decisionale importante.
Se non rivesti ruoli dirigenziali, e allora ti devono ascoltare per forza per lo meno i tuoi sottoposti, tra pari avviene questo: cominci a parlare, dici cose interessanti, poi vieni interrotta – come se nemmeno tu esistessi – da un maschio e gli occhi di tutti si fissano su di lui. Che probabilmente sta dicendo una banalità già sentita mille volte. Tu, donna, sei tagliata fuori e alla fine sei messa all’angolo perché l’attenzione a quel che stavi dicendo è svanita, gli occhi di tutti si sono allontanati da te, sei diventata invisibile. E allora te ne vai. Per dignità. Nulla più conta di quel che hai detto e hai fatto. Semplicemente non esisti più. Il maschio che parla è diventato il centro dell’attenzione.
«Quando si tratta di nomine vince sempre il Pmi: Partito maschilista italiano», scrive l’Espresso. Ma vale anche per molto meno.
Come si diceva un tempo: il personale è politico.
Ho letto in gioventù un libro che ci ha fatto pensare al nostro destino di donne nella storia: Il secondo sesso di Simone de Beauvoir (1949; la mia edizione italiana è del 1977). Vi riporto un piccolo estratto «Quel che è certo è che finora le capacità della donna sono state soffocate e disperse per l’umanità e che è veramente tempo, nel suo interesse e in quello di tutti, che le sia concesso finalmente di sfruttare tutte le sue possibilità».
Potremo mai consegnare alle nostre figlie e ai nostri figli una pratica di uguaglianza?
Questo deve essere un progetto di impegno politico e culturale di donne e di maschi che ci credono. Non a parole, ma nella pratica quotidiana: nella famiglia, nella società, nel lavoro e nella politica.

Paola Colombini
MMC - Movimento Milano Civica
Coordinamento dei Civici Metropolitani







 

Ebook_antonucci
Comunicati stampa
25/03/2015 23:31 - LAVORO AGILE. UNA GIORNATA SPECIALE IN 300 UFFICI DA MILANO A CATANIA
25/03/2015 23:30 - SALUTE. FARMACIE COMUNALI APERTE PER ESAMI GRATUITI AI MILANESI
25/03/2015 23:30 - AMBIENTE. IL COMUNE ADERISCE ALL’INIZIATIVA “EARTH HOUR”
23/03/2015 21:30 - CONSIGLIO COMUNALE. DIMEZZATO IL NUMERO DELLE BENEMERENZE CIVICHE
23/03/2015 21:29 - MILANO. PISAPIA: "GRAZIE A CHI MI HA ESPRESSO STIMA E APPREZZAMENTO"
Mostra tutti i comunicati
I nostri link
Tag cloud
Cerca negli articoli
Mailing list
Rss
Movimento Milano Civica
questo sito è stato realizzato con il CMS Journalist | About | Contact