Solidarietà
Nemo E Slanciamoci: un’alleanza Oltre Le Barriere
La musica in aiuto della ricerca, a tempo di rock
Pubblicato: 12/11/2014 15:53:00

MILANO - L'Associazione non-profit Slanciamoci (www.slanciamoci.it) è entrata a far parte di Fondazione Serena Onlus, ente gestore del Centro Clinico Nemo, in qualità di socio partecipante. La collaborazione tra il Nemo e Slanciamoci è cominciata nel 2010 con una serata all’Atlantique di Milano per continuare con l’annuale Festa Rock all’Alcatraz, sempre a Milano.

Il presidente di Fondazione Serena Onlus, Alberto Fontana, è «particolarmente contento di questa alleanza, perché Nanni Anselmi, presidente di Slanciamoci, e tutta l’Associazione rappresentano al meglio lo spirito del Nemo, in quanto antepongono l’interesse della collettività e delle persone affette da patologie neuromuscolari al proprio».

L’Associazione, infatti, intende aiutare e sostenere, attraverso la musica e la cultura rock, i centri scientifici di eccellenza nazionali e internazionali che si occupano di ricerca e cura delle malattie neuromuscolari, in particolare della Sclerosi Laterale Amiotrofica. L'interazione tra il Centro Clinico Nemo e Slanciamoci nel corso di questi anni ha consentito la conduzione di progettualità mirate a comprendere uno degli aspetti più dibattuti sulla SLA, quali la comprensione del ruolo dei fattori genetici nello scatenare o modificare la patologia, in particolare attraverso la collaborazione con la S.S. di Genetica Medica dell'AO Niguarda Ca’ Granda.

«Fin dal primo momento in cui sono stato preso in cura dal Nemo ho condiviso un’empatia con le persone che vi lavorano, a tutti i livelli, e che mi hanno sempre trasmesso un’energia positiva», così Nanni Anselmi spiega il motivo per cui Slanciamoci associazione non-profit, di cui è il presidente, è entrata a far parte di Fondazione Serena Onlus in qualità di socio partecipante. «Credo, infatti, che il successo del progetto Nemo stia proprio nella umanità delle persone che lo hanno fatto nascere e che lo fanno vivere tutti i giorni. Un luogo dove mi sento compreso in tutte le specificità, a volte dolorose, che si devono sopportare per una patologia come la mia, la SLA. Un modo laico di interpretare la cura solidale. Un’esplosione di energia trasversale che unisce i giovani, i loro genitori e persino i loro nonni! Un contagio di passione. Una sfida ai nostri limiti e ai nostri mostri».

Nanni Anselmi di anno in anno ha saputo coinvolgere un numero crescente di amici in serate danzanti, fino alle 3.000 persone dell’ultima Festa Rock nel marzo 2014, durante la quale sono stati raccolti 45.000 euro. Un esempio di come tutti insieme - soci, amici, operatori sanitari e sostenitori – si possa coltivare la passione per la musica con entusiasmo, in modo solidale, originale e vincente, in una parola: ROCK!

nella foto: Nanni Anselmi

Ebook_antonucci
Comunicati stampa
25/03/2015 23:31 - LAVORO AGILE. UNA GIORNATA SPECIALE IN 300 UFFICI DA MILANO A CATANIA
25/03/2015 23:30 - SALUTE. FARMACIE COMUNALI APERTE PER ESAMI GRATUITI AI MILANESI
25/03/2015 23:30 - AMBIENTE. IL COMUNE ADERISCE ALL’INIZIATIVA “EARTH HOUR”
23/03/2015 21:30 - CONSIGLIO COMUNALE. DIMEZZATO IL NUMERO DELLE BENEMERENZE CIVICHE
23/03/2015 21:29 - MILANO. PISAPIA: "GRAZIE A CHI MI HA ESPRESSO STIMA E APPREZZAMENTO"
Mostra tutti i comunicati
I nostri link
Tag cloud
Cerca negli articoli
Mailing list
Rss
Movimento Milano Civica
questo sito è stato realizzato con il CMS Journalist | About | Contact