Consiglio regionale
Al via la prima legge sulla regolamentazione dei piani di governo del territorio ( PGT).
Ruolo di primo piano per il Patto Civico
Pubblicato: 30/05/2013 18:21:00


MILANO - Martedì 28 maggio è stata battezzata in Consiglio Regionale la prima legge sulla regolamentazione dei piani di governo del territorio ( PGT). Il Patto Civico ha avuto un ruolo di primo piano, inserendo due importanti emendamenti all’interno del testo.

1. Proroga dei termini di approvazione : 31 dicembre 2013 per i Comuni che hanno adottato il PGT e il 30 giugno 2014 per i Comuni che hanno approvato

2. Inasprimento delle sanzioni per i Comuni inadempienti: la mancata approvazione entro il 30 giugno 2014 comporta, previa diffida ad adempiere entro 60 giorni, la nomina di un commissario ad acta, munito dei poteri necessari a completare la procedura di approvazione.
Il provvedimento ha lo scopo di dare definitivo impulso ai Comuni che non hanno ancora provveduto alla approvazione definitiva del PGT, evitando cosi di far incorrere i territori in ulteriori penalizzazioni .

Questo importante obiettivo è stato raggiunto con l’ accordo della quasi totalità delle componenti politiche ( maggioranza e opposizione, escluso il M5S). Auspichiamo ora che a questa legge segua immediatamente quella sulla revisione del consumo di suolo.

Qui di seguito il testo dell'intervento in aula di Lucia Castellano

 

Lucia Castellano  - Presidente Gruppo Patto Civico


Governare il territorio è un atto che dobbiamo non solo alle future generazioni, ma anche a una regione come la Lombardia, martoriata negli ultimi decenni da un consumo del suolo che non ha seguito i criteri di razionalità ed efficienza.
Anzi, spesso vengono evocati proprio quei chilometri di capannoni vuoti, lungo le strade della regione, come esempio vero e proprio di una dissennata incapacità di pianificazione territoriale, troppo parcellizzata e troppo legata al circolo vizioso degli oneri vissuti come forma di finanziamento.
La legge 12 è del 2005 e da allora, colpevolmente, la Regione ha concesso molte proroghe a quei comuni che non si adeguavano alla normativa. Molti tardavano con motivazioni plausibili, ma molti sfruttavano l’assenza di sanzioni reali e la speranza, sempre avveratasi, di una proroga a cui attaccarsi.
Proroghe che si sono succedute nel tempo senza arrivare ad alcun risultato, penalizzando così non solo i cittadini dei Comuni inadempienti, ma anche, paradossalmente, i Comuni virtuosi, che a breve vedranno scadere i PGT approvati in tempo.
Per cui, affrontando questa ennesima dilazione, apparivano più che comprensibili le perplessità avanzate dalle associazioni ambientaliste, come Legambiente, che denunciavano come le proroghe ripetute non facevano altro che avallare un malcostume. Ma del resto non si potevano non ascoltare anche le voci di chi, come Anci o Ance, invitavano ad uscire da un blocco che appariva eccessivo dato il momento e la congiuntura economica.
Pertanto, questo pdl non vuole essere un'ennesima proroga senza riscontro, ma la definizione di un percorso preciso che i Comuni inadempienti saranno obbligati a seguire, pena l'applicazione di sanzioni e il commissariamento.
L'aver diviso in due tappe il percorso indica la forte volontà di monitorarne gli esiti. Per cui non parliamo di un semplice slittamento di termini, ma di sanzioni e monitoraggio per costringere chi è più lento a mettersi in riga. Chi non ottempererà a questo percorso, infine, verrà obbligato a farlo da un commissario ad acta.
Questo pdl intende quindi obbligare all'adempimento i Comuni, senza penalizzare i cittadini, a cui sono consentiti, nelle more dell'approvazione dei PGT, alcuni interventi sugli edifici. Questo è voluto proprio a tutela dei privati che hanno bisogno di adeguamenti senza venire puniti ingiustamente a causa delle inadempienze dei propri amministratori.
Come tutte le proroghe, quindi, non è il migliore dei provvedimenti che un legislatore ami assumere, ma di certo, in questa formulazione, appare sensato, equilibrato e, soprattutto, definitivo.
Siamo infatti contenti che in commissione sia stata prodotta una proposta di legge unitaria e che lo stesso presidente Sala abbia più volte rimarcato che “questa è l'ultima proroga”, sottolineando, “la responsabilità politica del Consiglio in caso di inadempimenti ulteriori.”
“Non possiamo perdere la faccia”, infatti, affermo citando il presidente della commissione.
Speriamo che anche l'esecutivo senta in modo altrettanto netto il peso di questa responsabilità e voglia predisporre, come assicurato dall'assessore Beccalossi, tutte le iniziative idonee ad aiutare i Comuni ad adempiere agli obblighi e, se del caso, a predisporre in modo veloce ed efficace il commissariamento.

E' evidente che questo provvedimento si inserisce nella più complessa riforma – che auspichiamo con forza anche con un ordine del giorno -, della legge 12 su cui, come Consiglio, ci aspettiamo di lavorare a breve. Questo è solo un primo atto: il tema del consumo di suolo sarà affrontato infatti in modo capillare in quella sede.

Oltre al nostro voto, quindi, noi garantiamo anche controllo e intransigenza.
In sintesi, questa opposizione monitorerà che:
a) sia rispettato il percorso e si arrivi senza indugi all'approvazione dei PGT entro i termini previsti.
b) sia prodotta presto una riforma della legge 12 che impedisca il consumo di suolo, ristrutturando quello che già c'è e lasciando intatte le aree agricole, scese drammaticamente in Lombardia sotto una soglia di guardia.

Queste due azioni appaiono irrinunciabili, connesse l'una all'altra e fanno parte di un'unica impostazione politica del tema. Quella di legiferare con rigore, con proposte che non penalizzino i singoli cittadini ma sanzionino gli amministratori colpevolmente inadempienti.

Ebook_antonucci
Comunicati stampa
25/03/2015 23:31 - LAVORO AGILE. UNA GIORNATA SPECIALE IN 300 UFFICI DA MILANO A CATANIA
25/03/2015 23:30 - SALUTE. FARMACIE COMUNALI APERTE PER ESAMI GRATUITI AI MILANESI
25/03/2015 23:30 - AMBIENTE. IL COMUNE ADERISCE ALL’INIZIATIVA “EARTH HOUR”
23/03/2015 21:30 - CONSIGLIO COMUNALE. DIMEZZATO IL NUMERO DELLE BENEMERENZE CIVICHE
23/03/2015 21:29 - MILANO. PISAPIA: "GRAZIE A CHI MI HA ESPRESSO STIMA E APPREZZAMENTO"
Mostra tutti i comunicati
I nostri link
Tag cloud
Cerca negli articoli
Mailing list
Rss
Movimento Milano Civica
questo sito è stato realizzato con il CMS Journalist | About | Contact