Area C
Il ticket è tornato nel segno della fermezza
Le telecamere sono state riaccese alle 7.30. Cinquanta pattuglie di vigili ai varchi e nessuna moratoria per mettersi in regola
Pubblicato: 17/09/2012 13:35:00

MILANO - Da oggi telecamere attive, di nuovo, ai confini del centro dalle 7.30 alle 19.30. Area C si riaccende. Nel segno della fermezza: nessuna moratoria per mettersi in regola con gli ingressi, stavolta, come accadde invece per il debutto del ticket a gennaio. Chi entra da oggi nella cittadella dei Bastioni dovrà pagare 5 euro al più tardi entro domani sera a mezzanotte. Altrimenti, 87 euro di multa. Mezzi pubblici potenziati e una task force di 50 pattuglie di vigili ai 43 varchi. Una ripresa che, oltre ai giovedì “corti” con Area C spenta alle 18, include fin da subito la novità della tariffa agevolata per parcheggiare nelle autorimesse del centro. Una new entry, però, al palo: finora nessun garage ha aderito.

Il senso del rilancio lo riassume il sindaco: «Proseguendo così arriveremo a una città meno trafficata e meno nervosa che sia d’esempio in Italia e in Europa», dice Giuliano Pisapia. Che aggiunge: «Non condividiamo la decisione del Consiglio di Stato. La rispettiamo e abbiamo dato delle risposte alle sue osservazioni». Quindi, si riparte. La missione è abbattere di nuovo il traffico in centro che, la scorsa settimana, è arrivato a un picco di quasi 130mila accessi al giorno (giovedì), il 30 per cento in più rispetto ai primi sei mesi di Area C. «Milano torna ad avere una viabilità più efficiente e a essere più vivibile», dice l’assessore alla Mobilità, Pierfrancesco Maran. Fino a fine mese potenziata
anche la campagna informativa: più spot in radio e inserzioni sui siti d’informazione, e i cartelloni pubblicitari compariranno anche nelle stazioni del metrò. Che, sulle tre linee, avrà 32 corse in più al giorno per 75mila passeggeri extra. Orario di punta allungato alle 10 e rafforzati bus e tram con 252 corse (specie sui tram 3, 15, 24 e 27 e i bus 39, 50, 54, 61, 70 e 94). Personale Atm sarà sulle banchine e nei mezzanini a informare e facilitare il saliscendi dal metrò.

Ma una delle novità principali del ticket, la tariffa agevolata nelle autorimesse del centro a 13 euro per quattro ore di sosta più pedaggio, parte con un intoppo. Al protocollo firmato da Palazzo Marino anche per andare incontro ai garage, dopo che uno di loro ha avuto la meglio al Consiglio di Stato, finora non ha aderito nessun autorimessa. Lo conferma anche il vicepresidente dell'Unione del commercio, Simonpaolo Buongiardino, a cui spetta raccogliere le adesioni: «Siamo arrivati con l’acqua alla gola ed è una misura concessa in ritardo, i parcheggiatori sono delusi. Li convocherò, sono fiducioso». Ma non è l’unica frizione. Anche sui Giovedì dello shopping e della cultura, al via dal 20 — stop ad Area C alle 18 per facilitare gli incassi ed eventi serali — c’è dissenso. I commercianti storcono il naso: «Li abbiamo fortemente chiesti — aggiunge Buongiardino — ma alla fine non ci hanno concesso alcune richieste. Collaboreremo se il Comune ce lo chiederà e il piano proposto sarà credibile»

di Ilaria Carra

Fonte: la Repubblica Milano
Ebook_antonucci
Comunicati stampa
25/03/2015 23:31 - LAVORO AGILE. UNA GIORNATA SPECIALE IN 300 UFFICI DA MILANO A CATANIA
25/03/2015 23:30 - SALUTE. FARMACIE COMUNALI APERTE PER ESAMI GRATUITI AI MILANESI
25/03/2015 23:30 - AMBIENTE. IL COMUNE ADERISCE ALL’INIZIATIVA “EARTH HOUR”
23/03/2015 21:30 - CONSIGLIO COMUNALE. DIMEZZATO IL NUMERO DELLE BENEMERENZE CIVICHE
23/03/2015 21:29 - MILANO. PISAPIA: "GRAZIE A CHI MI HA ESPRESSO STIMA E APPREZZAMENTO"
Mostra tutti i comunicati
I nostri link
Tag cloud
Cerca negli articoli
Mailing list
Rss
Movimento Milano Civica
questo sito è stato realizzato con il CMS Journalist | About | Contact