Un incontro voluto dal Movimento Milano Civica
Aria nuova in area C?
Ne parlano: Marco Granelli, Luca Tosi, Stefano Riazzola, Enrico Fedrighini, Anna Scavuzzo e Giorgio Spatti
Pubblicato: 09/03/2012 10:53:00

Il 6 marzo 2012, in Sala Alessi di Palazzo Marino, il Movimento Milano Civica ha organizzato un momento di riflessione e di studio, dal titolo Aria nuova in area C?
L’incontro, su una tematica di scottante attualità per la città di Milano, a meno di due mesi dall’introduzione della “congestion charge” ed a pochi giorni dalla delibera del TAR Lombardia che di fatto promuove il provvedimento, è stato fortemente voluto ed organizzato dal Movimento Milano Civica e dal Consiglio Direttivo, moderato da Ilaria Li Vigni, introdotto da Nanni Anselmi e concluso da Cristina Jucker.
Sono intervenuti ospiti d’eccezione che hanno affrontato la tematica dalla duplice prospettiva, tecnica e politica.
Marco Granelli, Assessore alla Sicurezza e coesione sociale, Polizia locale, Protezione civile, Volontariato della Giunta Pisapia, ha commentato i positivi risvolti che l’introduzione di “Area C” ha comportato in materia di sicurezza, non solo stradale, ma rendendo anche più vivibili e più sicure le strade del centro per il pedone, con conseguenti miglioramenti anche della “sicurezza sociale”.
L’assessore ha posto l’attenzione su un necessario “nuovo modello di città”, con vaste zone pedonali sull'esempio di alcune realtà urbane del nord Europa, quale Stoccolma.
Luca Tosi, Dirigente Amat del Comune di Milano, di cui è il responsabile per i servizi informativi, ha svolto la raccolta dei dati del monitoraggio sul primo mese di attività di “Area C”.
Ha illustrato compiutamente il progetto, di particolare rigore scientifico, che ha mostrato un decremento sensibile del traffico veicolare, sia privato sia commerciale.
Rispetto al periodo antecedente all’introduzione del provvedimento, nei circa trenta giorni di report in esame, la variazione media d’ingressi per i veicoli trasporto persone è stata inferiore del 46%, il trasporto merci inferiore del 23%.
Sempre l’Amat ha voluto testare l’effetto dell’Area C sulle velocità commerciali del trasporto pubblico di superficie.
È da questo raffronto che spicca come la fascia di punta del mattino e della sera dei mezzi (tram ed autobus) abbia avuto un vantaggio di maggior celerità pari a circa il 10%, con conseguente evidente soddisfazione degli utenti.
Stefano Riazzola, dirigente assessorato Mobilità del Comune di Milano, ha affrontato la complessa tematica della mobilità alternativa, illustrando le iniziative del Comune di potenziamento del c.d. “bike sharing” esteso ad ulteriori punti di locazione ed, in un prossimo futuro, anche del servizio di “car sharing”.
Tutto ciò dovrà essere accompagnato da una necessaria imprescindibile educazione alla mobilità dei cittadini, a cominciare dai giovani e giovanissimi che devono servirsi maggiormente dei mezzi pubblici e delle forme di “mobilità alternativa" rispetto all’auto.
Enrico Fedrighini, politico ecologista di lunga esperienza, ha sottolineato il positivo vigore in punto di tutela ambientale della “congestion charge”, provvedimento che ha di molto ridotto il traffico e parzialmente migliorato la qualità dell’aria e la presenza di polveri sottili in città.
Ha auspicato che parte dell’introito economico derivante da “Area C” sia reinvestito dal Comune in progetti di mobilità sostenibile, così contribuendo a quell’idea di trasparenza economica che non induca il cittadino a ritenere il provvedimento unicamente un metodo per fare cassa.
In ogni caso, per contribuire a risolvere la problematica ambientale in una città come Milano, saranno necessari altri provvedimenti “su vasta scala” che si attendono dall’Amministrazione Comunale.
Anna Scavuzzo, Consigliere comunale della Lista Milano Civica, si è detta soddisfatta del “buon inizio” del provvedimento, augurandosi che la cittadinanza si faccia parte attiva per rendere davvero effettiva la delibera, adottando abitudini virtuose, quali ad esempio il "car pooling", con conseguente riduzione del traffico.
La consigliera ritiene che la delibera dovrà essere rivalutata nei prossimi mesi ed eventualmente migliorata, anche sulla base delle indicazioni fornite dalle statistiche e dai tecnici di settore.
Giorgio Spatti, esperto di trasporti e logistica, ingegnere, ha concluso l’incontro, fornendo spunti davvero interessanti in tema di mobilità sostenibile, ritenendo nel complesso positivo il provvedimento limitativo del traffico nella cerchia dei Bastioni, ma affermando che forse sarebbe stato preferibile un forte rincaro dei pedaggi di sosta, con medesimo effetto dissuasivo, ma meno penalizzante per i residenti.
In ogni caso, la misura dovrà essere integrata da un importante potenziamento dei mezzi pubblici e del passante ferroviario, così fluidificando la mobilità urbana nelle zone limitrofe al centro storico.
Massiccia l’affluenza di pubblico, con oltre 120 presenti all’incontro ed interessanti gli spunti di riflessione proposti dai partecipanti in sala.
Il Direttivo tutto del Movimento Milano Civica è davvero soddisfatto della riuscita di tale evento, augurandosi in un prossimo futuro di poter veicolare altri incontri su temi di attualità cittadina.

di Ilaria Li Vigni


 

Ebook_antonucci
Comunicati stampa
25/03/2015 23:31 - LAVORO AGILE. UNA GIORNATA SPECIALE IN 300 UFFICI DA MILANO A CATANIA
25/03/2015 23:30 - SALUTE. FARMACIE COMUNALI APERTE PER ESAMI GRATUITI AI MILANESI
25/03/2015 23:30 - AMBIENTE. IL COMUNE ADERISCE ALL’INIZIATIVA “EARTH HOUR”
23/03/2015 21:30 - CONSIGLIO COMUNALE. DIMEZZATO IL NUMERO DELLE BENEMERENZE CIVICHE
23/03/2015 21:29 - MILANO. PISAPIA: "GRAZIE A CHI MI HA ESPRESSO STIMA E APPREZZAMENTO"
Mostra tutti i comunicati
I nostri link
Tag cloud
Cerca negli articoli
Mailing list
Rss
Movimento Milano Civica
questo sito è stato realizzato con il CMS Journalist | About | Contact